5 metodi non convenzionali per imparare una lingua straniera

Trapattoni

Attenzione: se applicherai tutti i metodi che trovi qui potresti diventare bravo come lui! 🙂

Una lingua è l’unica cosa che merita di essere conosciuta anche non in maniera perfetta

Kato Lomb

In momenti di crisi come questo è importante cercare di reinventarsi e di acquisire nuove abilità. Imparare una lingua straniera oggi può fare la differenza in Italia, oppure può essere il primo passo per cercare fortuna in un altro paese. Ho già parlato qui di come sia solo un mito infondato l’incapacità degli adulti di imparare una lingua straniera, oggi invece ti fornirò cinque modi non convenzionali per cominciare a parlarla il prima possibile. I primi tre sono pensati per principianti, mentre gli altri due sono per un livello leggermente più avanzato. Vediamoli insieme:

  1. Leggi i libri per bambini. Questo non è il mio sistema preferito. Spesso una persona adulta può sentirsi a disagio nel leggere un libro per bambini, oppure non essere interessata a quello che sta leggendo. Ci sono comunque degli enormi vantaggi nel leggere libri per bambini: puoi acquisire familiarità con i suoni più ricorrenti della lingua, e le storie sono più stimolanti di un testo freddo e meccanico preso dai libri scritti per gli stranieri. Come ciliegina sulla torta puoi anche acquisire in maniera spontanea nozioni di grammatica, in particolare sulle forme presenti e passate dei verbi. 
  2. Leggi i fumetti. Questo è il mio metodo preferito per aumentare le capacità di lettura e di comprensione della lingua che sto imparando. La mia grande passione per i fumetti giapponesi mi dà una grossa mano, perché con un po’ di ricerca su internet posso trovare fumetti gratuiti e tradotti in tutte le principali lingue europee (si, anche in polacco! 😉 ). I fumetti sono fantastici perché ti aiutano a contestualizzare i dialoghi con le immagini e hanno una storia interessante che mantiene la tua mente attiva e motivata a capire il più possibile. Infine, se è un fumetto che hai già letto, conoscerai a grandi linee la storia, i personaggi, magari ti ricorderai alcuni passaggi più divertenti. Potrai quindi imparare parole nuove più velocemente rispetto a memorizzarle da un elenco o da un dialogo che non ti interessa. L’unico aspetto negativo può essere una traduzione non sempre perfetta dal giapponese, ma si può risolvere il problema cercando dei fumetti tipici locali. Nel caso dell’inglese questo problema non esiste: oltre ad esserci una traduzione accurata dei fumetti giapponesi, vi è anche molta scelta tra diversi tipi di fumetti scritti direttamente in lingua inglese, come ad esempio Marvel.
  3. Dai un’occhiata alle pubblicità. Non credo di essere il solo a non amare le pubblicità. Fin da piccolo ho avuto l’abitudine di cambiare canale, andare a prendere un libro da leggere, uno spuntino…insomma QUALSIASI COSA pur di non dovermi sorbire qual è il migliore detersivo in circolazione. Quando dobbiamo imparare una lingua, però, possiamo considerare la pubblicità da un’altra prospettiva: i pubblicitari devono utilizzare un linguaggio semplice, accattivante e comunicativo per vendere il loro prodotto. Quindi ci saranno parecchie ripetizioni, i punti di forza del prodotto verranno spiegati in modo chiaro e lentamente (a differenza delle controindicazioni delle medicine, ma quelle non riesco a capirle neppure in italiano), e dopo non molto tempo riuscirai a capire molto di più del nome del prodotto ed avrai imparato nuove parole! 🙂
  4. Iscriviti ad un forum/sito internet di tuo interesse: Dopo aver studiato le basi della lingua potresti non sentirti pronto a buttarti in mare aperto ed affrontare una conversazione in tempo reale con un madrelingua. Esistono però due tappe intermedie che possono aiutarti a prendere più confidenza. La prima è iscriverti ad un forum di un argomento di tuo interesse e sforzarti di essere un utente attivo. Leggi gli articoli che più ti interessano, utilizza un dizionario online per scrivere il più correttamente possibile e cerca le parole che non conosci. Potrai fare pratica in totale anonimato e se qualcuno ti dovesse correggere…ringrazialo! Quando ti sentirai più coraggioso è il momento del secondo step, buttarsi in una chat: nonostante la conversazione sia in tempo reale, potrai prenderti un po’ di tempo per controllare se stai scrivendo correttamente e riuscire anche a goderti la conversazione. Un’ottima palestra prima di affrontare una conversazione faccia a faccia con un madrelingua! 🙂
  5. Il dialogo interiore: questa tecnica è suggerita direttamente da Katò Womb, il personaggio misterioso della citazione di oggi. Poliglotta ungherese in grado di parlare sedici lingue, è stata la prima ad evidenziare quanto sia importante il dialogo interiore nell’imparare una lingua. Il dialogo interiore non è altro che la vocina che parla, parla e continua a parlare nella tua testa. Scommetto che la tua parla italiano in questo momento, magari sta vocalizzando le parole che stai leggendo. Quando si diventa più bravi si comincia a pensare nella lingua straniera, specie dopo una continua e ripetuta esposizione. Il trucco sta nel forzare la mano agli eventi, sforzandoti di cominciare a dialogare interiormente nella lingua che vuoi imparare prima che accada spontaneamente. All’inizio andrai molto piano, avrai le solite parole in testa e magari ti sentirai arrabbiato e frustrato. Ma cominciando con cinque minuti al giorno e aumentando a dieci dopo un paio di settimane, scoprirai che la tua capacità di parlare e di ascoltare una lingua sia aumentata senza che te ne sia accorto.

Cosa ne pensi di questi metodi, potrebbero essere efficaci per te? Oppure conosci qualche altro metodo non convenzionale? Scrivi le tue esperienze nei commenti! 😉

Annunci

2 commenti on “5 metodi non convenzionali per imparare una lingua straniera”

  1. Castenetto A. ha detto:

    Essendo un Web Developer autodidatta ho incontrato sin da subito la necessità di imparare la lingua inglese, soprattutto per essere documentato e aggiornato con le ultime news del settore…
    Da due anni (ero 16enne) leggo articoli sul web che parlano di ciò che mi interessa e devo dire che sono migliorato molto, imparando a leggere in inglese senza studiare nel vero senso della parola.

    Ora, che voglio passare a un livello superiore, voglio iniziare ad ascoltare. Magari sempre video che riguardano cose di mio interesse, così sarò sicuramente più motivato.

    Ad una cosa non avevo mai pensato e grazie a questo articolo ne sono venuto a conoscenza: Il dialogo interiore!

    Wow… ho provato per la prima volta questasta sera e ho capito veramente questa tua citazione di Lao Tzu: ‘Imparare una nuova lingua significa avere un altra finestra da cui guardare il mondo’…

    In soli 5 minuti, forse 4, mi sono sentito già più sicuro, eheheh, non pensavo di poter fare un dialogo interiore in inglese, o meglio: nessuno mi aveva mai spinto a farlo.

    In questo mese proverò a farlo con costanza, 5 minuti al giorno, e sicuramente ti aggiornerò.

    Grazie ancora…

    ps: Come va con il polacco? 🙂

    • Lorenzo Brigatti ha detto:

      Ciao Andrea!

      Innanzitutto complimenti per la tua determinazione e la tua chiarezza di idee: io a 18 anni stavo ancora giocando a Championship Manager e non pensavo minimamente al mio futuro! 😛

      Aver imparato a leggere correntemente inglese ti dà già un grosso vantaggio suoi tuoi coetanei, continua così e ne guadagnerai tantissimo in vocabolario. Per l’ascolto ti consiglio TED.com, dove troverai video sugli argomenti più diversi, con un ritmo piuttosto lento (sono conferenze, quindi gli speaker parlano più piano per farsi capire meglio) e la possibilità di usare i sottotitoli (meglio usarli in inglese).

      Sono felice che il metodo del dialogo interiore ti abbia già aiutato e dato ancora più fiducia. Vedrai che a un certo punto comincerai a pensare in inglese senza neppure accorgertene! 😉

      Per quanto riguarda il mio polacco…devo confessarti di essere bloccato in questo momento. A causa di altri impegni ho dovuto accantonarlo: lo uso più che posso con i negozianti o quando devo chiedere indicazioni, ma il poco tempo che ci dedico non è sufficiente per migliorarlo.
      Ho in programma di riprenderlo più seriamente tra uno, due mesi al massimo quando lo userò per testare diversi metodi di apprendimento di una lingua straniera, e preparare così il mio primo ebook.

      Ma adesso che mi hai fatto sentire un po’ in colpa,comincerò da subito a studiarlo almeno una volta a settimana, usando molto dialogo interiore! 🙂

      Tienimi aggiornato sui tuoi progressi, e se ti dovesse servire qualcosa, chiedimi pure, sarò felicissimo di aiutarti!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...